Crea sito

Salerno,la scuola in ginocchio


Numeri da brivido:800/900 docenti precari senza più lavoro,100/200 docenti di ruolo in sovrannumero!! I Cobas di Salerno, da sempre in prima linea contro la distruzione della scuola pubblica statale, snocciolano questi dati impressionanti sul prossimo anno scolastico, dati che riguardano solo la provincia di Salerno. In tutta la Campania, d’altra parte, le cattedre tagliate saranno 6.500.Facciamo qualche esempio: sul sostegno si perderanno un altro centinaio di posti, dopo le centinaia di cattedre tagliate nei due anni scorsi. In sostanza, anche il prossimo anno, a pagare la crisi saranno i soggetti più indifesi:gli alunni disabili e le loro famiglie. Alessandro D’Auria, dei cobas scuola di Salerno, preannuncia e chiama alla mobilitazione tutti i docenti, il personale ATA e le famiglie degli alunni per la fine di Agosto. Sulle pagine de Il Mattino di Salerno dichiara”«Se gli insegnanti di ruolo soffriranno, per i precari sarà una catastrofe – dice D’Auria – L’appello è alla cittadinanza e alle forze politiche locali perché la situazione è esplosiva e difficilmente controllabile. Prenderemo ad esempio le proteste radicali, ma efficaci, di altre categorie, nessuno resti sorpreso di quello che accadrà. Quello che bisogna capire è che i tagli colpiscono per i due terzi solo il Sud: è un altro aspetto della politica antimeridionale del Governo. Si colpisce una scuola già disastrata tagliando le risorse e creando altra disoccupazione».

I Ministri Tremonti,Gelmini e lo stesso Berlusconi farebbero bene ad ascoltare queste proteste. A proposito, il Ministro salernitano Carfagna dov’è? Il suo silenzio fa molto rumore…
Intanto, come abbiamo dato notizia ieri , viene occupato l’USP di Agrigento….è scontato prevedere che non sarà l’ultimo.
Tiggi
Share

Click on pen to Use a Highlighter on this page
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Tag:, ,

Comments are closed.